lunedì 28 gennaio 2008

Memorie

E' appena finito "il giorno della memoria" e come tutti gli anni,manifestazioni in tutta l'Italia e servizi televisivi hanno accompagnato la fine della giornata a questa triste ricorrenza.Tanto triste e lacerante quanto doverosa per tutti gli esseri umani morti nell'olocausto.

Voglio essere sincero con voi.Ogni anno quando vedo e sento tante belle parole in TV e manifestazioni,mi succede qualcosa,una sensazione strana oltre la tristezza.Diciamo che ho l'animo inquieto.Mi danno addirittura fastidio....!Vedere TG con le immagini dei campi di sterminio,le fosse,e con il servizio successivo l'Elisabetta Gregoracci di turno...........

Questa ricorrenza é stata istituita con una legge,la n. 211 del 20 luglio 2000 dal Parlamento italiano che ha in tal modo aderito alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come giornata per la commemorazione.

A mio avviso non ci dovrebbe essere bisogno di una legge che istituisce un giorno per "ricordare",anche perché cosi si corre il rischio che la giornata sia vittima di strumentalizzazioni varie e si perda il senso profondo del ricordo.

E poi c'é anche un altro motivo:

una legge che istituisce una giornata di commemorazione,di ricordo,permette a molti di dimenticare,o almeno mettere da parte,la memoria fino alla prossima giornata,l'anno dopo.E credo che questo noi,uomini,persone,esseri umani,non ce lo possiamo permettere.

E per un semplicissimo motivo:perché i genocidi non sono mai finiti,sono sparsi per il mondo,sotto gli occhi di alcuni e nel silenzio di molti.Ci sono guerre sparse per l'intero globo,e ci sono vittime che non avranno mai un giorno della memoria,semplicemente perché non lo sappiamo.


Ci sono 29 guerre attualmente nel mondo.Milioni di morti. Se volete sapere i paesi coinvolti e il numero di vittime cliccate qui.


Questa la mappa dei conflitti

Primo Levi diceva " se comprendere é impossibile,conoscere é necessario"

Nel mio giorno della memoria,ci saranno anche queste vittime.

Quotidianamente....

9 opinioni:

Simona ha detto...

ciao Lele, io sono d'accordo con te che certe giornate dovrebbero non essere istituite, ma ricordate sempre..solo che noi uomini siamo così terribilmente superficiali che se non ci fossero "imposte" una volta all'anno, non ci penseremmo neanche in quel giorno. vedi come siamo fatti? ricordiamo oggi l'olocausto, grave dramma del passato che giustamente non va dimenticato, ma ce ne sbattiamo altamente dei drammi del presente..
hai fatto bene a ricordarli. buonanotte.

Giovanna Alborino ha detto...

fai bene a ricordarle, ma siamo ancora troppo pochi...

buon inizio settimana

Spippy ha detto...

Bellissimo post concittadino, la pensiamo allo stesso identico modo a riguardo. Un bacio e buon inizio settimana.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Io ho voluto anche ricordare gli altri genocidi e non solo quello dell'olocausto.

Credo che la giornata appena passata sia importante per far capire l'importanza della memoria storica vista come strumento essenziale per riconoscere ed isolare ritorni di fiamma verso il passato.

Nicola Andrucci ha detto...

eppure ci sono persone che ancora negano l'esistenza dell'olocausto

Ele ha detto...

Purtroppo è vero..è proprio triste che per ricordarso alcune giornate sia necessario istituzionalizzarle.Solo che, sembrerà strano, c'è ancora gente(come le nuove generazioni)che non si rendono conto di quanto sia importante conoscere il passato,ma non per non dimenticare, ma soprattutto per non ritornare negli stessi ORRORI del passato...per un presente diverso e consapevole.E' ancora più sconcertante sapare che nel mondo ci sono così tante guerre nell'indifferenza dei media, che ritengono più interessante parlare di soubrette, grande fratello e tante altre cretinate...ora non voglio essere pessimista, ma è evidente che questa nostra società è egoista oltre che superficiale...speriamo che le cose cambino.ciao

Guernica ha detto...

Ciao lele!
Io credo che fissare una Giornata della Memoria sia stato un atto dovuto.
Poi per quanto riguarda i programmi televisivi, ti dico che per me il 27 Gennaio non significa commemorare la giornata guardando i Film sull' olocausto in tv o i programmi attinenti...
La tv è un mezzo che io definisco "stagionale" per tutti gli argomenti.Di conseguenza, mi interessa poco o niente.
La commemorazione parte dalle cascienze...è interiore a ciascuno di noi ed indipendente da una data fissata.
Quindi chi strumentalizza quella data, o se ne fa scudo per poi dimenticare negli altri 364 giorni, se la vedrà con se stesso...se è in grado!
A presto, buona giornata!:)

Lieve ha detto...

Hai proprio ragione...e poi è giusto imparare dal passato e fermarsi a riflettere, ma non bisognerebbe mai dimenticare di guardarsi intorno...

Cris ha detto...

ogni giorno,ogni anno,cè un olocausto sparso per il mondo!!!ogni giorno dobbiamo ricordare!!!ciao